Allarme Mediterraneo: “E’ soffocato dalla plastica”

0
75

Nella Giornata mondiale degli oceani, rapporto del Wwf sull’inquinamento del Mare Nostrum. Con i suggerimenti a governi, imprese e cittadini per le possibili contromisure

 

Roma. Viviamo in una piccola ma micidiale trappola di plastica. Il Mediterraneo rappresenta solo l’1% delle acque internazionali eppure ospita il 7% di tutte le microplastiche del Pianeta. Quasi una tartaruga Caretta Carettasu due, nelle sue acque, muore a causa dei polimeri ingeriti. Un capodoglio su tre fa la stessa fine. Per questo oggi, mentre in tutto il globo si celebra la Giornata mondiale degli oceani, dedicata alla lotta contro l’inquinamento da plastica, il Wwf lancia l’allarme sullo stato di salute del Mare Nostrum: il 95% dei suoi rifiuti è composto da plastiche, quelle che l’uomo non ha imparato a gestire e riciclare.

Secondo l’associazione ambientalista però, che con dati scientifici e raccomandazioni ha redatto un report internazionale guidato proprio dalla sezione italiana, siamo ancora in tempo per disinnescare la trappola. La soluzione indicata richiede accordi politici internazionali, maggiori sinergie fra istituzioni e produttori e, naturalmente, buone pratiche quotidiane di tutti noi.

«Centinaia di migliaia di tonnellate di rifiuti plastici ogni anno invadono il Mediterraneo con danni gravissimi alla salute e alla biodiversità oltre che a importanti settori economici come pesca e turismo», racconta la presidente di Wwf Italia Donatella Bianchi. «Non possiamo permettere che soffochi nella plastica: abbiamo bisogno della collaborazione fra cittadini, istituzioni e aziende per salvarlo da un nemico subdolo, che ormai è entrato nella catena alimentare».

Per esempio in due pesci che siamo abituati a consumare: il 18% di tonni e pesci spada nel sud del Mediterraneo presenta rifiuti di plastica nello stomaco. Se accade, non è un caso: ogni anno sotto la superficie finiscono 130 mila tonnellate di microplastiche. E sopra non va meglio: in 356 giorni possono accumularsi anche 500mila tonnellate di macroplastiche, l’equivalente di quasi settantamila camion. E l’Italia dà il suo contributo: è il terzo paese mediterraneo a disperdere più detriti (90 tonnellate al giorno). Ma a creare i danni maggiori sono i frammenti, minuscoli e letali, che entrano nella catena alimentare modificando gli ecosistemi. Questo implica danni anche economici e turistici: per il Wwf ci costano 62 milioni di euro l’anno.

Il problema, in un’Europa seconda produttrice di plastica al mondo, non è il materiale in se ma l’attuale incapacità di gestirlo: di 27 milioni di tonnellate di rifiuti plastici prodotti all’anno solo un terzo è infatti riciclato.

Come uscirne? Ecco le soluzioni suggerite dal Wwf. A seguito degli impegni appena assunti dall’Ue per bandire monouso, cotton fioc e usa e getta, è necessario «un accordo internazionale giuridicamente vincolanteA che impegni tutti i paesi del mondo a eliminare la dispersione di plastica attraverso il monitoraggio e fondi dedicati. Poi l’industria deve fare la sua parte contribuendo «al corretto recupero e smaltimento e alla assunzione di responsabilità», che in sintesi significa copertura dei costi. Ogni Stato deve «spingere sulla differenziata» e studiare innovazioni anche per frenare i problemi causati dall’industria della pesca. Le singole aziende si devono impegnare a «ridurre gli imballaggi» e puntare su politiche a rifiuti zero. Infine, è necessario il contributo di tutti noi. Dobbiamo scegliere «materiali biodegradabili e alternativi», ma anche evitare prodotti e cosmetici che contengono microplastiche, comprare “sfuso” e scendere in campo per il cambiamento. Se volete potete farlo già oggi partecipando alle centinaia di iniziative in tutta Italia per la pulizia delle spiagge.

 

Leggi l’articolo originale su Repubblica.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × uno =