La Scozia fissa il taglio delle emissioni del 90% entro il 2050

Per il taglio delle emissioni del 100% il disegno di legge non indica una data precisa

0
273

Per il taglio del 100% delle emissioni non è stata fissata alcuna data, creando malcontento tra gli ambientalisti che spingono per obiettivi più stringenti

 

(Rinnovabili.it) – Un taglio delle emissioni del 90% entro il 2050: è quello fissato dalla Scozia che corre per diventare il primo paese al mondo a zero CO2 grazie al progetto di legge sul cambiamento climatico pubblicato giovedì mattina. Un target ambizioso che la Commissione del Regno Unito sui cambiamenti climatici afferma essere “al limite della fattibilità”. Il disegno di legge si impegna infatti raggiungere il taglio totale delle emissioni senza però fissare alcuna data per l’obiettivo. La legislazione è “la più ambiziosa in qualsiasi parte del mondo” , ha detto al Parlamento Nicola Sturgeon il primo ministro scozzese.

“Il nostro obiettivo del 90% sarà più duro rispetto all’obiettivo del 100% fissato da alcuni altri paesi, perché la nostra legislazione fisserà obiettivi annuali più esigenti e legalmente vincolanti che coprano ogni settore della nostra economia – ha detto Roseanna Cunningham, membro del Parlamento scozzese e segretario per il cambiamento climatico annunciando i target sul clima – Entro il 2030, taglieremo le emissioni di due terzi e, a differenza di altre nazioni, non useremo la compensazione del carbonio, dove altri paesi sono pagati per tagliare le emissioni per noi, per raggiungere il nostro obiettivo “.

Tom Ballantine, presidente di Stop Climate Chaos Scotland , ha definito gli obiettivi estremamente deludenti. “È estremamente deludente che il governo scozzese non sia riuscito a perseguire la propria retorica sulla leadership globale sui cambiamenti climatici non riuscendo a fissare un obiettivo netto per le emissioni zero”. La Scozia, uno dei principali produttori di petrolio e gas del Mare del Nord, ha spinto negli ultimi anni energie rinnovabili promuovendo l’energia eolica onshore e offshore e lo sviluppo e la diffusione di nuove tecnologie per le maree e le onde. Tuttavia sono diversi i fattori che rallentano ancora il cambiamento. All’inizio di questo mese, il ministro dei trasporti Humza Yousaf ha ammesso che il governo scozzese non ha i poteri per vietare la vendita di auto diesel, nonostante l’impegno ad eliminarli gradualmente nel 2032, con ben otto anni di anticipo rispetto l’obiettivo fissato dal governo britannico. Mentre martedì scorso, dopo un dibattito di due ore alla loro assemblea generale annuale, la Chiesa di Scozia ha votato con uno stretto margine contro la cessazione dei rapporti con le compagnie petrolifere e del gas.

 

Leggi l’articolo originale su rinnovabili.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

12 + 5 =